Dopo il padre e il fratello ora la zia. La cupola dei Mattarella

zia_mattarella

Quella che vedete in foto non è la Nannini, nemmeno la sua brutta copia, ma solo una delle spargi fango che popolano la stampa nostrana – ma quelli che ci declassano lo conoscono il Fatto? -. Dopo il suo precedente articolo di cui abbiamo già parlato qui, Sandra Rizza ritorna all’attacco e questa volta da il meglio di se. Ora, per infangare la figura del presidente Mattarella usa un’assurda, quanto insignificante diffamazione propalata da un giornalista e scrittore catanese:  Alfio Caruso,  citato in giudizio con una richiesta di risarcimento di 250mila euro. E che tra le altre cose sostiene che la sorella della mamma di Mattarella sarebbe stata sposata con il boss Antonino Buccellato, quindi lo zio di Mattarella era mafioso.

Oltre a essere una balla, come ha detto Mattarella rispondendo alle accuse e invitando la “giornalista” a rettificare,  è anche priva di valore. Ma ponendo, per assurdo, che fosse  vero, cosa avrebbe dovuto/potuto fare per evitarlo? E soprattutto, quali sono le colpe o le conseguenze di cui dovrebbe farsi carico Mattarella? Oltre alla colpe dei padri ora bisogna guardarsi anche da quelle degli zii acquisiti?

Questi sono matti dal legare…

Mattarella, ha mandato una richiesta di rettifica alla Rizza, ma questa, sprezzante e altezzosa, ha risposto picche, dicendo che la sua è normale cronaca giudiziaria…

La rizza scrive che non sentiremo mai Mattarella rispondere in merito perchè il giudice onorario Rosa Maria Rini ha rigettato la richiesta testimonianza. Ma ve lo immaginate il presidente della repubblica che dopo essere diffamato da una giornalista viene anche chiamato a rispondere sulla mafiosità dell zio, e tutto motivato solo da una diffamazione ? …

Forse noi abbiamo dei limiti ma non riusciamo a capire a cosa serva e a cosa miri, se non a infangare e delegittimare la figura del presidente della repubblica, tutta questa palta costantemente confezionata e diffusa a mezzo stampa.

Con tutte le cose (false) che stanno emergendo Franci Ford Coppola avrebbe così tanto materiale che potrebbe girare altri 6 Padrini… 

Cosa scriveranno quando scopriranno che anche uno dei compagni di scuola di Mattarella è divenuto poi un boss mafioso?

Ma la Rizza, che è pure siciliana, lo conosce un certo Peppino Impastato che aveva tutta la famiglia mafiosa e che nonostante ciò ancora oggi è ricordato (mai abbastanza) come uno dei paladini della lotta alla mafia, e che se fosse vivo avrebbe sicuramente un posto (meritato) nella politica e nella lotta contro la mafia, magari al posto dell’attuale Rosy Bindi? Insomma, perchè Mattarella, che ha dato più volte dimostrazione di lottare strenuamente contro ogni forma di criminalità organizzata, dovrebbe scusarsi? per aver perso un fratello altrettanto combattivo e per questo ucciso barbaramente proprio dalla mafia?

Possibile che la Rizza non prova nemmeno un po’ di vergogna quando si guarda allo specchio?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here