Gli onanisti e le ingiustizie sui premi

2001-A-Space-Odyssey-Stanley-Kubrick-LTD-Edition-Oscar-Movie-Poster-Display-B00EVVXQUA-6

Una delle cose più stupide che un critico possa  fare è perdere tempo a discutere dei premi Letterari, cinematografici o musicali che siano o peggio indicare come gravi mancanze il fatto un determinato, cantante, attore o regista non ne abbia mai vinti. I premi, secondo la vulgata comune, vengono spesso visti come una sorta di riconoscimento burocratico, politico (se uno ha fatto tanti film e almeno due sono grandi film allora merita l’oscar) Prendendo spunto dall’articolo del Fatto Quotidiano do Emiliano Liuzzi prendiamo in esame uno dei casi più discussi e riguardanti un regista che noi del Fango Quotidiano consideriamo uno dei maestri indiscussi del cinema mondiale e di tutti i tempi: Stanley Kubrick

Spesso critici e perditempo vari hanno parlato del caso Stanley Kubrick indicandolo come emblematico del “problema” degli artisti poco o per nulla premiati – argomento che spesso interessa di più i critici che gli artisti, poiché un artista che fa arte per ricevere riconoscimenti e premi di solito non gode di buona reputazione e il suo stile sarà per forza di cose affetto da dislessia.

Prendendo in esame solo i premi per il miglior film e quelli per la regia (senza nulla togliere all’importanza di altri premi come quelli relativi alla sceneggiatura) Stanley Kubrick  ha ricevuto le seguenti nomination

  • 1965 – Nomination al miglior film per Il dottor Stranamore
  • 1965 – Nomination al miglior regista per Il dottor Stranamore

—————————————————————————————–

  • 1969 – Nomination al miglior regista per 2001: Odissea nello spazio

—————————————————————————————–

  • 1972 – Nomination al miglior film per Arancia meccanica
  • 1972 – Nomination al miglior regista per Arancia meccanica

—————————————————————————————-

  • 1976 – Nomination al miglior film per Barry Lyndon
  • 1976 – Nomination al miglior regista per Barry Lyndon

—————————————————————————————

Nel 1965 i candidati come miglior film e regia erano: (in azzuro i vincitori)

  • George CukorMy Fair Lady
  • Michael Cacoyannis – Zorba il greco (Alexis Zorbas)
  • Peter Glenville – Becket e il suo re (Becket)
  • Stanley Kubrick – Il dottor Stranamore) 
  • Robert Stevenson – Mary Poppins

Come si può notare non è una scelta facile. Sono tutti grandi film e ognuno ha le sue peculiarità. Certamente, però, non si può dire che Cukor abbia vinto immeritatamente.

Nel 1969

  • Carol Reed – Oliver!
  • Anthony Harvey – Il leone d’inverno
  • Stanley Kubrick – 2001: Odissea nello spazio
  • Gillo Pontecorvo – La battaglia di Algeri
  • Franco Zeffirelli – Romeo e Giulietta

Il film di Kubrick è una pietra miliare della fantascienza ma quell’anno ha dovuto vedersela con avversari tosti. Se non avesse vinto il Carol Reed, che quell’anno sbanco vincendo quasi tutto,rimanevano ancora Ponetcorvo e Zeffirelli. Si può parlare di ingiustizia?

Nel 1972

  • William Friedkin – Il braccio violento della legge 
  • Peter Bogdanovich – L’ultimo spettacolo
  • Norman Jewison – Il violinista sul tetto
  • Stanley Kubrick – Arancia meccanica
  • John Schlesinger – Domenica, maledetta domenica (non presente in miglior film)
  • Nicola e Alessandra  regia di Franklin J. Schaffner ( sostituiva il film di Schlesinger).

Arancia Meccanica fu un film molto discusso (specie da censori e ignoranti) che costo molte sofferenze a Kubrick, tanto che il regista fu costretto, dopo aver ricevuto pesanti minacce a chiedere alla Warner Bros il ritiro della pellicola dalle sale. La visionarietà iperrealista e la violenza che assume una valenza estetica sono rappresentano uno dei vertici della cinematografia mondiale (nella classifica oggi il film è la 70 posto) ma il braccio violento della legge, pur essendo per certi versi meno autoriale, non si può dire che non meritasse l’oscar e infatti anche in questo caso Friedkin e il suo film vinsero praticamente tutto.

Nel 1976

  • Miloš Forman – Qualcuno volò sul nido del cuculo
  • Robert Altman – Nashville
  • Federico Fellini – Amarcord (non presente come miglior film)
  • Stanley Kubrick – Barry Lyndon
  • Sidney Lumet – Quel pomeriggio di un giorno da cani 
  • Lo Scualo – di Steven Spielberg (che sostituiva Fellini in miglior film)

In questo caso non c’è molto dire Barry Lyndon è un capolavoro visivo, e infatti vinse gli oscar per la fotografia, la scenografia, i costumi e la colonna sonora. Certo non c’è bisogno di parlare degli avversari. Quell’anno era davvero dura competere con Altman, Fellini, Lumet e Spielberg…

Dopo aver analzzato un po’ di più e fatto i dovuti confronti è ancora possibile parlare di ingiustizia o di semplice concomitanza di opere d’arte e artisti da far venire la sindrome di Stendhal anche a un cieco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here