Scrive solo balle. Incredibile…

travaglio

Oggi #Zorbavaglio ci regala uno dei suoi editoriali quanto mai carichi di balle e assurdità. Il caldo, si sa, fa strani effetti sulla gente, però nel caso di #Zorbavaglio non crediamo sia colpa del caldo perchè lui scrive balle tutto l’anno se ne frega delle temperature e delle stagioni. Come sapete noi non giudichiamo mai senza argomentare, quindi andiamo a vedere cosa scrive.

Citando l’intervista del corriere delle sera a Debora Serracchiani #Zorbavaglio pone l’attenzione a una frase dell Serracchiani  e poi trae una conclusione tutta sua (da buon giornalista imparziale, di quelli che danno le notizie…) :

“Se qualcuno, tra i fuoriusciti del M5S o tra gli scontenti di FI, condivide le nostre riforme, le può votare”. Sta parlando di Denis Verdini

Siamo andati a prendere la suddetta intervista per capire come stanno le cose perchè la conclusione di #Zorbavaglio ci sembrava un po’ strana…

int-serracchiani

Come potete vedere all’inizio la giornalista che alla Serracchiani se avesse intenzione di accogliere Verdini e D’anna e lei risponde: “Nel Pd? Ma no, assolutamente no — assicura la vicesegretario, Debora Serracchiani —. Ripeto, noi non cerchiamo nessuno. Riteniamo di avere i numeri anche al Senato e partiamo dall’unità del Pd, come abbiamo fatto fin dall’inizio”

Quando la giornalista, insistendo, chiede perchè allora cercano una stampella la Serracchiani ribatte:

“Premesso che non entro nella dinamica di altre formazioni, assisto da tempo a una scomposizione dei gruppi. Se abbiamo voluto allargare a tutti, è perché stiamo facendo delle riforme molto importanti e riscrivendo gli assetti istituzionali. Quindi se c’è qualche senatore che vuole votare le riforme e che, magari, ha anche contribuito a scriverle, non si comprende perché non si dovrebbe lavorare assieme”

Per quanto riguarda la frase riportata (parzialmente) da #Zorbavaglio – classica tecnica della macchina del fango – la risposta integrale è questa:

“Se qualcuno, tra i fuoriusciti del M5S o tra gli scontenti di FI, condivide le nostre riforme, le può votare. Ma non è un percorso che costituisce chissà quale partito o una diversa maggioranza di governo. Tra l’altro al partito della nazione non ci abbiamo mai pensato. La sola cosa che ci interessa è cambiare profondamente questo Paese, mettendolo in condizione di sfruttare la crescita prossima ventura”

Come potete vedere la Serracchiani non sta affatto facendo riferimento a Verdini – semmai lo fa la giornalista – e fa un discorso diametralmente opposto. Ricordando, più volte, che che il PD cerca, per quanto possibile e grillinate permettendo, di coinvolgere tutti nel processo di riforme costituzionali. Poi se Berlusconi, per suoi interessi, sale a bordo non sono certo Renzi o la Serracchiani a dovergli dire no, semmai lo dovrebbero fare gli elettori di uno o dell’altro schieramento… Infatti Renzi ha preso il 41% mentre Berlusconi è in emorragia piena di consensi. Dei 5 stelle non parliamone neanche; quelli rifiutano anche gli assessorati…

Ma #Zorbavaglio dopo da il meglio di se:

“persino la riforma della scuola e persino alla Camera è passata solo grazie al voto di quattro verdiniani.”

Balla mastodontica perchè la riforma della scuola su 450 votanti è passata con 277 si e 173 no, maggioranza 226.  Quindi i verdiniani dovrebbero essere almeno 51 (inutili perchè sarebbe passata comunque)  e mi sa che sono un po’ troppi anche per Verdini… (mamma mia che cazzaro).

Ddl 'Buona scuola' è legge. Ma è caos nel Pd: solo 277 voti. A favore 4 verdiniani

Attenzione però, perchè la vetta, l’apice, l’apogeo delle minchiate viene raggiunto solo dopo:

“In House of Cards, la serie americana cui Renzi dice di ispirarsi”

Allora, premesso chi gli unici ad avere questa fissa per la serie “House oh Cards” sono quelli del Fatto Quotidiano e uno o due dell’Hunffington post, facciamo notare che non solo il personaggio protagonista della serie non c’entra proprio nulla con Renzi ma quello che afferma #Zorbavaglio è una balla bella grossa(una delle tante…). Renzi non hai MAI detto di ispirarsi alla serie in oggetto ne al personaggio di Frank Underwood, anzi, ne prende le distanze e abbiamo la prova (noi non scriviamo balle). Nell’intervista a “Che Tempo Che Fa” Fabio Fazio mostra una sequenza in cui Frank Underwood, dopo aver ucciso una giornalista spingendola sotto la metro, fa uno dei suoi discorsi cinici e machiavellici (8:46)

Renzi non solo prende le distanze dicendo che è solo una fiction, ma quando Fazio chiede “Ma il potere è questo?” lui dice “Assolutamente no, il potere è esattamente l’opposto per me. Il potere è prendersi cura (…) caricarsi la responsabilità degli altri”

Sostenere che Renzi si ispira a una fiction, per di più per sua ammissione è davvero ridicolo Solo #Zorbavaglio può scendere così in basso.

In seguito si lamenta dell’indifferenza della stampa in merito alle  INUTILI E INSIGNIFICANTI intercettazioni fra Renzi e Adinolfi e quelle in un taverna (pensate…) che riguardano Giulio Napolitano (argomento che abbiamo ampiamente trattato in altri articoli).  Cosa di cui nessuno si stupisce perchè si tratta solo di fango e gossip. Gli altri sono quotidiani (non tutti va beh) il FQ è un immondezzaio stile tze tze… La stampa dovrebbe anche occuparsi di queste robe? Hanno riportato la notizia… è già tanto…

#Zorbavaglio Dice anche che di De Luca non si parla più. Ma ovvio! Vi ha fatto un culo tanto (non solo a voi)…fossimo in #Zorbavaglio ce ne staremmo zitti e eviteremmo ulteriori figuracce (come fa la Bindi ad esempio) . Si accontenti dei 1000€ che De luca gli deve dare per aver detto solo la verità.

Ora basta, abbiamo finito. Ci vediamo alle prossime balle (che tranquilli arriveranno presto). Approposito, ma #Zorbavaglio non se ne va un po’ in vacanza?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here