Solita fuffa targata Davide Vecchi su Boschi Jr.

vecchi-boschiCi sono i cazzari di professione, persone pagate per scrivere stupidaggini e più sono grandi meglio è, perchè come vuole la regola, se le devi dire dille grosse, tanto la gente ci crederà comunque. Davide Vecchi ha lasciato temporaneamente le sue spy story kadmoniane fatte di agenti segreti, misteriose logge, faccendieri, complotti, agenti del mossad ecc. alla sua collega Valeria Pacelli per dedicarsi allo scoop estivo destinato a infiammare gli ombrelloni di tutta italia.

La notizia è che il giovane Emanuele Boschi, fratello dell’odiata ministra dalle caviglie grosse che vuole distruggere la costituzione più bella del mondo (ovviamente secondo i fattoni della pravda grillina), lavora. cosa c’è di strano? beh che entrato come partner, quindi non come dipendente ma ci ha messo i soldi nello studio legale “Bllex” di Francesco Bonifazi il tesoriere del PD che i fattoni scrivono essere l’ex compagno della Boschi (mah se lo dicono loro…). Cosa c’è di male? Ovviamente nulla, ma Vecchi insinua, senza naturalmente saper un bel nulla, che la stranezza consisterebbe nelle ipotetiche imprese piccole e medie, enti pubblici, amministrazioni centrali e locali, multinazionali che investono in Italia che beneficiano o meno delle decisioni (concessioni) del governo a trazione Pd. Che volete oggi il giornalismo si fa così: si scrivono cazzate che potrebbero o non potrebbero essere vere ci si costruisce ipotetici retroscena e fantasmagorici conflitti e si imbastisce un finto scoop.

Per Travaglio e Co. solo i 5 stelle possono dare incarichi e aiutare amici e parenti. Tutti gli altri politici devono essere orfani e senza amici, perchè altrimenti qualsiasi cosa facciano diventa un potenziale conflitto o privilegio. Il giovane boschi deve andare a fare l’operaio o il cantoniere perchè se ha ambizioni imprenditoriali o politiche se le deve scordare. Uno studio legale difende e fa consulente per mestiere quindi come fa generare vantaggi o conflitti d’interesse. Se Boschi Jr fosse entrato in un altro studio che magari non era di Bonifazi ma aveva più rapporti con il governo era lo stesso?

Le innate capacità investigative di Davide Vecchi gli permettono di scoprire qualcosa di sconvolgente: lo studio legale, dopo che Bonifazi è diventato il tesoriere del PD e che ha avuto una certa visibilità, ha visto aumentare i guadagni. Mamma mia che detective… il produttore di CSI sta pensando di fare una miniserie dedicata alle deduzioni di Davide Vecchi. Nessuno, prima di lui era riuscito a capire che aumentare la visibilità comportava anche l’aumentare dei guadagni. Se Bonifazi avesse una pizzeria probabilmente avrebbe come minimo raddoppiato la clientela, cose ovvie e logiche, ma prima di Davide Vecchi nessuno ci era arrivato. Che uomini, che menti.

Una società america ha fatto un’offerta milionaria per acquistare il cervello di Davide Vecchi a patto di poterne entrare in possesso prima della morte. Ma il genio Vecchi ha sentito puzza di marcio e ha cominciato a indagare, scoprendo che dietro l’operazione c’era nientemeno che Michael Ledeen e assieme a lui c’erano Jason Bourne, i Man in Black e ovviamente Carrai. I soldi li cacciava l’amico di Renzi Davide Serra.

Rimaniamo in attesa di ulteriori sviluppi. Per il momento consigliamo ai nostri lettori di tenersi lontani dalle edicole specie per acquistare il Fatto Quotidiano perchè in un fascicolo ritrovato da Davide Vecchi nell’area 51 è emerso che un terrorista (ex compagno di scuola di Renzi) ha messo un variante del virus del videogame “The Division” nella carta del Fatto Quotidiano e chiunque tocchi o venga a contatto con le pagine del giornale si becca una rara forma di vagliolo che prima rende scemi e poi fa rilasciare gas maleodoranti che spargono spore infette.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here