Togliete la tastiera a Scanzi!

  se lo conosci lo scanzi Non intendiamo sprecare il nostro tempo per ribattere alle mega stupidaggini di Scanzi in merito all’articolo sui 30 anni trascorsi dal Live Aid.  Dare importanza a capre che si credono giornalisti ci sembra davvero una perdita di tempo. Quello che ci chiediamo è: “possibile che non c’era nessuno che fosse un minimo competente di musica e che, a differenza di Scanzi, sapesse suonare almeno il triangolo o la trombetta di carnevale che si allunga?” . Basta solo il titolo per capire il tono e l’obbiettivo di Scanzi: (sminuire e dissacrare) “Live Aid, come fare la storia del rock suonando malissimo” A questo punto era meglio che lo scrisse Monina. Certo anche lui ha dimostrato di non capirne un granchè, ma certo non avrebbe detto che la rivoluzione del Rock l’ha fatta il “white Album” dei Beatles – in realtà fu molto più rivoluzionario l’album precedente Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band – Cmq, come abbiamo detto, non intendiamo dilungarci molto sul pessimo articolo in questione. Piuttosto invitiamo i nostri (pochi) lettori e i tanti del FQ a farsi un giro in rete e confrontare le cose (soprattutto come e con quale superficialità) che scrive Scanzi. Tipo quando cita l’episodio in cui Ron Wood dà la sua chitarra a Bob Dylan che aveva rotto una delle corde della sua, facendola passare come una sorta di gag o gaffe… beh, giudicate voi… purtroppo qui non si vede Ron mentre senza chitarra imita Pete Townshend degli Who roteando il braccio con ampi cerchi.

Scanzi poi non parla delle celebri reunion. Cita i Led Zeppelin scrivendo del loro rifiuto a essere inclusi nel DVD del 2004 (che però finanziano), ma non che la loro fu una delle reunion più celebri e attesa dai fan dopo la tragica morte di uno dei componenti del gruppo. Ah, basta, se no ci viene il vomito come direbbe Vasco…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here