Travaglio accusa la Boschi ma è lui che specula sulla riforma da sciacallo

boschi-argOggi il Fatto Quotidiano si lamenta e getta discredito sul viaggio istituzionale del ministro Maria Elena Boschi in Argentina. Come molti lettori sanno, il Fatto è solito fare questo genere di polemiche stupide. Ogni volta che Renzi o la Boschi viaggiano fuori dall’Italia i fattoni lanciano attacchi e accuse prive di senso riferite ai mezzi di trasporto usati, i vestiti indossati, le gaffe, i regali ricevuti ecc. La Boschi andando in Argentina starebbe compiendo un’operazione elettorale e di propaganda pagata con denaro pubblico.

Spiegare che la Boschi non va all’estero solo per fare campagna elettorale sarebbe come spigare perchè la terra non è al centro dell’universo o perchè Travaglio non è un giornalista. La ministra Boschi vedrà alcuni rappresentanti delle imprese italiane operanti nel paese e fra gli altri avrà incontri istituzionali con Dyogo Oliveira, ministro Pianificazione economica; Alexandre de Moraes, ministro Giustizia; il presidente Supremo Tribunale Federale, Carmen Lúcìa. Certo farà anche promozione alla riforma ma quelle del fatto, come detto, sono accuse ridicole perchè non c’è alcuna differenza fra la Boschi che va in giro per l’Italia a spiegare la riforma costituzionale e la Boschi che va all’estero per il medesimo motivo. Si tratta sempre di un dovere istituzionale che denota serietà e rispetto nei confronti degli elettori. Se il governo non spiegasse la riforma gli sciacalli del Fatto si lamenterebbero di questo. Il fatto è che all’estero, specie in Argentina che ha un legame particolare con l’italia (si veda es l’emigrazione piemontese), ci sono molti italiani i quali saranno, come prevede la legge, anch’essi chiamati a esprimersi sulla riforma costituzionale. E’ dovere di un governo serio spiegare agli elettori cosa andranno a votare si o no? Non si può certo lasciare che a fare informazione e spiegare le leggi siano produttori di fango e speculatori come Travaglio…

A parte poi l’evidente nervosismo che sfocia in un rosicare patetico e infantile, il Fatto pecca anche di ipocrisia perchè, come abbiamo già denunciato, l’unico a speculare facendo campagna per il NO è Marco Travaglio, attraverso la vendita di libri e guadagnando facendo spettacoli teatrali. Zagrebelsky, Settis e Rodotà non hanno fatto speculazioni (e avrebbero potuto), si sono solo limitati a esprimere legittimamente il loro dissenso. Certo Travaglio non commette reato, ma sputa in faccia alla decenza. Guadagnare speculando su una riforma costituzionale è da sciacalli.

I fattoni comunque non sono certo gli unici. Quelli de “il Giornale”, altra famosa carta igienica, hanno scritto che la Boschi ha usato l’aereo di linea spendendo 300 mila euro. Ovviamente non vero, poichè la Boschi ha usato un semplice volo di linea e non ha speso la cifra indicata da Il Giornale. Siamo sempre solite, il giornalismo usato come arma per ferire, screditare, diffamare e delegittimare.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here